La luna e i falo'

Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra, c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti
Cesare Pavese 1949



venerdì 15 aprile 2016

Colmar, la Madonna del roseto

Colmar festeggia la primavera.
Certo il cielo è ancora un po' grigio e ogni tanto qualche goccia di pioggia fa aprire gli ombrelli ma turisti e abitanti non rinunciano alla passeggiata domenicale tra i banchetti del mercatino e i negozi aperti di dolciumi e ricordini.
Anche i tavoli dei bar sono affollati e tutti approfittano della giornata più calda e della luce più brillante del mese di aprile.

Gli accenti sono già tedeschi in questa piana di Alsazia a lungo contesa tra Francia e Germania.
La città si allarga quasi fino alle prime colline coperte di vigneti. Più in alto, verso ovest, la cresta arrotondata delle montagne dei Vosgi è coperta da scure pinete che trattengono qualche nuvola sfilacciata.
Il centro storico di Colmar ha conservato le abitazioni caratteristiche della regione.
Le facciate delle case, spesso di colori vivi, sono sottolineate dai tratti scuri delle travi in legno apparente, a volte un po' sgembe.
Gli edifici più importanti mostrano fieramente i tetti dalle tegole colorate e brillanti. Più austeri, i palazzi delle istituzioni ufficiali: tribunale, caserma, municipio sembrano contrastare con la loro severità.

Venditori di cioccolato, di stoffe e di miele si alternano nel mercatino che attira molti curiosi.
Un canale centrale su cui vanno e vengono barche cariche di turisti, sfiora i giardini delle case.
È la “Petite Venise”, la Piccola Venezia. Sono i pontili che permettono l'accesso dalla barca alla casa che hanno ispirato il soprannome, qualcuno dirà un tantino usurpato, ma perché no.

Attraversiamo la piazza passando sotto l'arco dell'antica dogana, risalendo le stradine animate.

La chiesa dei Domenicani è stata ormai trasformata in museo per accogliere un'unica opera, la celebre pala d'altare di Martin Schongauer La vergine del roseto. Il dipinto del 1473 era stato realizzato per la cattedrale della di San Martino. Due ante traforate in arabeschi e dorate racchiudono il dipinto. Il vestito della madonna occupa quasi interamente la parte inferiore del quadro, si eleva a piramide lasciando apparire ai lati il roseto tra le cui foglie, su uno sfondo d'oro, appaiono i fiori rossi. La donna e il bambino sembrano emergere dal sontuoso panno rosso del vestito. In alto gli angeli sembrano danzare reggendo la corona della vergine. La madonna e il bambino guardano in direzioni opposte. Le teste inclinate e i tratti austeri dell'arte gotica sono sorprendentemente attenuati, se non cancellati, dal rosso brillante delle labbra dei due personaggi.
Le bocche
quasi sensuali e il tondo del mento sono i soli dettagli che uniscono con una certa somiglianza la madre e il figlio. Il rosso è lo stesso delle rose che circondano i due volti. Le lunghe dita del figlio accarezzano teneramente il petto della madre all'orlo superiore del vestito mentre l'altro braccio passa attorno al collo e lascia spuntare le esili dita tra i capelli ondulati della donna. Anche le dita della madre sono di un'estrema lunghezza e sorreggono affettuosamente e delicatamente il bambino. Entrambi hanno uno sguardo malinconico, quello di un sorriso che si è appena spento, un'attimo di gioia interrotto da un pensiero grave, quello di un destino drammatico che incombe e al quale non si potrà sfuggire.

4 commenti:

  1. Descrizione dettagliata ed accattivante di una località che non conoscevo! Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvana.
      Buona serata anche a te!

      Elimina
  2. Ma perchè io non riesco a portar il coniuge in Francia?? Con tutti questi luoghi meravigliosi...

    RispondiElimina
  3. Dai che ce la fai, non è lontano! ;)

    RispondiElimina